Attualità e società

Guglielmo Portali (Kill Gates) e il te l’avevo detto

Ascolto un’intervista a Guglielmo Portali (Kill Gates).

L’intervistatore chiede al filantropo “come ci si sente dopo aver fatto la predizione di una pandemia e non essere stati ascoltati?”. “Ve l’avevo detto!! Un virus può uccidere più di una guerra nei prossimi decenni. Non siamo pronti per una prossima pandemia”.

Che bello che qualcuno porti una sfig… scusate, che qualcuno di così preparato sia così preoccupato per la nostra salute. Pre-occuparsi indica la possibilità di occuparsi prima di qualcosa che può essere avvertita come un problema. Mi preoccupo se mangio il torrone di stare attento. Potrebbe rovinarsi un dente. Se passi sotto una scala può capitare una disgrazia. Se malauguratamente trovi un virus non fare amicizia. Può essere letale.

Guglielmo Portali mette in guardia sul cambiamento climatico e sul bioterrorismo. Con tutti i soldi che non potrebbe andare a zoccole più spesso? Si divertirebbe tantissimo. Io non posso, con cinque euro posso comprare un dvd usato della nota pornostar cinese AKILA DO.

Però, quanto sono fortunato !! Vivo in una società con personaggi che si preoccupano della mia salute, del mio destino e non chiedono nulla in cambio. Lo fanno filantropicamente.

Bioterrorismo, il rischio che qualcuno butti in giro dei virus o il rischio che cada qualche asteroide. E’ un casino!! Quest’uomo, rettiliano polipato (lo potete vedere in certe scene nelle quali agita le braccia come tentacoli),  a me piace. Mi dà fiducia e anche se porta una sfig…. scusate, anche se ci vuole fornire a tutti i costi le sue soluzioni. Lo fa perchè ci vuole bene.

“E’ possibile che quella del covid-19 sia l’ultima pandemia globale?” chiede il John Taylor dei poveri che lo intervista. “Figa ma che cazzo dici, stronzo!! Ce ne saranno tantissimissime!!” risponde Portali. Gli uomini fanno l’amore con i pipistrelli, le scimmie, limonano con gli elefanti….

“Ma quale può essere la soluzione?”

“Insomma ci vuole un po’ di mRNa un po’ di qua e di là, dei test, dei macchinari, dei rettoscopi trilaterali, qualche goccia di fetuso omogeneizzato  e soprattutto ci si deve baciare in bocca con la lingua continuamente e senza mai smettere.

Altra cosa fondamentale è stare attenti alla disinformazione su internet. Non si deve ascoltare le teorie sulla disinformazione che vi fanno credere che c’è la lotta tra il bene e il male, che dietro ai virus c’è un business, che io mi arricchisco con certi prodotti, che ci sono malintenzionati nei piani alti. Noi siamo tutti figli di Bearzot e L’Italia dell”82 era una grande figata. Nei prossimi vaccini ci metto un po’ di causio e un pizzico di bearzotina e va a dà via’l cul”.

Alchè l’intervistatore, figlio di un parrucchiere del Bronx fa un’osservazione pazzesca. “Lo sai Guglielmo che nella pandemia del 1918 molti morivano per un sistema immunitario troppo debole ma tanti anche per un sistema immunitario troppo forte?”.

Portali non si scompone, non è figlio dell’Ikea e prontamente, sbavando dice

“Bravo, minchione!! Nei vaccini puoi metterci tutto ma non devi farlo sapere in giro e devi avere il brevetto. Io di curcuma ne metto un po’ di più perchè non altera troppo il sapore. Sto più attento al curry che fa troppo oriente. Mi piace il geranio che tiene lontane le zanzare e i complottisti.

Comunque la nuova linea AstraSenecaeNerone vanno alla grande e non hanno controindicazioni. Solo ad una mia vicina sono cresciute altre due teste e non capisco quando parla. Una confusione!!”

Grazie a certi filantropi il mondo andrà a putt… scusate andrà verso il metaverso che si porterà via tutto. Anche i gatti dovranno essere  siringatti. Sarà bellissimo incul …inoculare tutti.

I due alla fine dell’intervista si lasciano con un’occhiata sadomaso e mi lasciano con la speranza di vedere una nuova umanità in cui non ci sarà più bisogno di detersivi che inquinano. Non ci sarà più nessuno, nemmeno l’ambiente. Rimarrà solo la pelle del virus.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!