Attualità e società

L’ennesimo inferno da attraversare. ABBIATE FEDE

Ascolto il simpatico Ralph Smart di “Infinite waters” immerso nella sua amata natura e rifletto con lui.

Sembra che il mondo stia impazzendo, che la società stia andando verso una direzione che vuole escludere certe persone. Sembra vogliano far fallire tutto ciò che prima era normale.

Occorre pertanto essere preparati.

Se anche il mondo e la società vogliono farti fallire, tu sei disposto a tradire te stesso, sei disposto a farti condurre nel fallimento in cui vogliono condurti?

Non siamo vittime delle circostanze ma co-creatori della realtà. Se vorranno farti fallire non cadere nella trappola.

Puoi re-imparare ogni cosa, diventare innocente e osservare con stupore ciò che accade.

Adesso tutti sono sicuri di qualcosa, hanno delle certezze e le difendono. Ma quando sei così sicuro di qualcosa, quanto sei vicino alla verità? Stai seguendo quali idee? Quali certezze?

Ci sono celebrità che incoraggiano i fans a vaccinarsi. Sono diventati dottori, medici, scienziati. Sanno cosa contiene il siero. Straordinario!!!

E tu, come ti permetti di mettere in discussione la loro voce? Sei tu forse un medico?

Vedete che esiste una incongruenza in ciò? Loro possono affermare e tu no. Non hai il loro impatto.

Io non ti dico “fai questo o fai quello” semplicemente perchè “non conosco” e quindi non mi atteggio a possessore di una verità univoca. Non obbligo.

La saggezza è farsi aiutare dal pensiero critico, dal dubbio, dalla discussione e dall’ascolto ma tutto ciò che conosciamo in questa matrix è stato messo lì da qualcun altro. Ascoltiamo l’esterno ma abbiamo un mondo interiore.

L’ho sentito al telegiornale”, ”c’era scritto sul giornale”. E a chi appartengono queste testate? Chi le filtra?

Diventiamo esperti di cose che non conosciamo per sentito dire. Occorre essere onesti e dire: “l’ho sentito”, “l’ho letto”.

Tu ne sei certo di quello che accetti?

Illuminarsi è rendersi conto di ciò che non conosciamo ed aprirsi alla propria guida, alla propria saggezza, alla propria innocenza. Occorre avere una capacità di discernimento.

Non so nulla”, tutto quello che trovo è stato messo nella matrix da qualcun altro. Siamo programmati come televisori, come computer. Abbiamo i nostri programmi. L’educazione ci istruisce con i suoi programmi. Canalizziamo informazioni ricevute da qualcun altro.

Io non so nulla per certo” è un atteggiamento di innocenza, di saggezza. E’ tempo di re-imparare ogni cosa, di tornare innocenti, di recuperare la libertà e la saggezza. Non fare fallire te stesso. Se vogliono farti fallire, non cedere ed appellati alla saggezza.

Non credere a tutto. Non cedere alla paura che vogliono attivare per controllarti; non cedere all’odio che fomentano, all’ennesimo “divide et impera”.

Chi ha paura non si pone domande, non mette in discussione. Segue senza capacità di discernimento. Accetta tutto. Accetta i “l’ha detto … ”, accetta i decreti, le ingiunzioni. Obbedisce!!

Avete visto nella storia esempi di obbedienza senza discussione? Obbedienza “cieca” si dice. Se ne sono visti tanti di questi esempi creati con una propaganda incessante.

Convincere le persone che esiste quell’unica strada.

Con la propaganda si costruiscono credo, forme pensiero generalizzate, divisioni, discriminazioni, apparati burocratici.

Nel fascismo (chiaramente e non solo) c’era chi andava in giro con l’olio di ricino ed una scuola fatta apposta per indottrinare i bambini su certe ideologie.

Nel nazismo c’erano contabili che contavano gli ebrei internati e le loro ricchezze requisite.

Nello stalinismo c’era chi andava a raccogliere kulaki uccisi dalla fame, assicurandosi che le terre potevano essere confiscate.

Un’ideologia, un sistema di pensiero specifico può essere costruito su ogni cosa.

Posso decidere che le pesche fanno venire i capelli biondi e cominciare a convincere di questa verità usando persone bionde. Posso combinare le informazioni più strane.

In alcuni posti hanno deciso che gli ebrei andavano sterminati, in altri erano gli intellettuali a risultare molto scomodi.

Ci si può far convincere di tutto se non si ha una capacità di discernimento, se non si sanno confrontare le informazioni.

Ma certuni non vogliono che la massa abbia accesso a tante informazioni. Bastano quelle utili per realizzare i propri scopi per imporre certi piani.

E adesso non possiamo trascurare che esiste sempre un salto tra un momento e l’altro. Pensate al salto avvenuto tra le guerre di fine ‘800 e la prima guerra mondiale. Ci si trovò improvvisamente in una società diversa, con mode diverse, tecnologie nuove. Ma era già tutto pronto. Dirigibili, mitragliatori, aerei, gas mortali, erano già nei magazzini pronti per essere usati.

E adesso? Con la tecnologia di adesso cosa pensate abbiano in magazzino? Molto di più di quello che state vedendo.

Ora, io lo dico da molto tempo, se questa umanità deve avere dei condottieri, delle menti che pretendono di guidarla, tali menti devono avere un’etica, ossia saper usare informazioni, strumenti economici, politici, sanitari per un bene collettivo.

Il nucleare finì anche nelle armi atomiche che sono state usate. Anzi, quando ci fu il pretesto, un certo presidente le usò giusto per sfizio. Questo sfizio, questa smania di dimostrare di essere il più forte, credete che sia smorzata in certe menti?

Con la tecnologia che hanno cosa potranno inventarsi?

Allora vogliamo parlare di complottismo?

Io credo che si sia da preoccuparsi molto riguardo le possibili intenzioni di chi attualmente vuole controllare l’umanità.

Ricordate:

TUTTO E’ POSSIBILE

Se per te alcune cose sono impossibili, non accadranno mai, figuriamoci siamo nel 2000, ricorda che dopo una guerra mondiale, a distanza di trent’anni ne arrivò un’altra scatenata con una fake news, con un evento manipolato pur di dare la colpa a qualcuno per attaccarlo.

Ricordalo perchè certe dinamiche non muoiono se certe mentalità non muoiono.

E certe mentalità sono vivissime perchè si tramandano ereditariamente. I “padroni del mondo”, i gestori della matrix, appartengono alle famiglie di un tempo. Ne sono gli eredi. C’è da stare tranquilli?

Fomentando l’odio, la discriminazione, la povertà facendo leva su minacce da combattere e creando un nemico pericoloso al rango di sorci o scarafaggi da eliminare, usando un sistema economico appositamente creato per distruggersi, cosa può accadere?

Di quale fiducia si può parlare?

Personalmente la speranza mi ha sempre tradito. Solo quando ho usato molta volontà e le forze hanno iniziato andare verso una certa direzione le cose sono cambiate.

Adesso esiste un’elite di personaggi loschi che vogliono dominare l’umanità. Non è la prima volta. Esiste da secoli.

La buona volontà io posso metterla, ma da solo cosa combino?

Ecco che la forza può incrementarsi dal momento in cui più volontà e più energie si alleano per contrastare i piani di coloro che non conoscono etica. Allora la speranza comincia ad assumere nuove connotazioni. Si fortifica e lascia intravvedere la luce in fondo al tunnel.

Allora si respira di nuovo un po’ di aria pura.

L’anno scorso capitai in un tunnel di 12 chilometri in Austria. Non avevo visto la lunghezza all’inizio. Non ne potevo più. “Quando finirà?” mi ripetevo.

Tornare indietro non potevo ma esisteva una certezza.

SICURAMENTE FINIRA’

Infatti dopo molti minuti, vidi aprirsi un bagliore di luce e ritrovai la libertà, fui di nuovo circondato da montagne, baite, fiori, dal sole e dalle nuvole.

Ora come dobbiamo comportarci?

La scelta è personale. Io personalmente non do credito ai piani diabolici di questa elite. Non mi fido di loro. Non mi atteggio a saperne più di un medico vero o di uno scienziato vero. Ma voglio decidere ascoltando oltre che le voci del mondo esterno anche la mia guida interiore. Per me è un esperimento, non facile.

Nell’inferno portare una luce non è facile.

E ci sono forze che vogliono condurci per forza in una certa direzione. Opporsi non è facile.

Ma non sono solo. E di questo ne sono certo.

Incontrerò nuovi amici, costruirò nuovi mondi possibili.

Respirando attraverserò questo tunnel consapevole che prima o poi un bagliore mi farà capire che esiste la via di uscita da questo ennesimo inferno.

E capirò il motivo per cui mi sono incarnato in questo periodo.

Un abbraccio,

Paolo Milanesi

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!