PNL

PNL – Essere autore della propria vita

ciao,

sto leggendo il libro “Essere autore della propria vita” di Michelle J.Noel.

L’autrice espone interessanti idee usando strumenti della programmazione neuro linguistica e dell’ipnosi sulla possibilità di

diventare autori della propria esistenza

Il primo passaggio consiste nel comprendere lo stato presente.

Ognuno di noi vive a modo suo, con i suoi schemi. Quali schemi, quali programmi ci guidano? Come li abbiamo appresi? Da chi?

  • In che modo funzioniamo?
  • Come siamo programmati?
  • Quando reagiamo?
  • Su che basi decidiamo?

Se nella natura assistiamo a curiose informazioni interne che portano i salmoni a risalire la corrente per deporre le uova o certi uccelli a trovare un luogo specifico lontanissimo (e potremmo scoprire curiosità infinite), noi da cosa siamo mossi?

Possiamo riconoscere la nostra programmazione interiore?

Il cervello può funzionare a livello conscio. Lo fa pensando, ragionando, percependo, decidendo, agendo.

Esiste però come ben sappiamo una componente inconscia molto forte che svolge contemporaneamente centinaia di attività se non molte di più. Siamo dotati di un computer straordinariamente potente. E tale computer ha i suoi software, i suoi programmi pieni di istruzioni. Questo accade nel nostro mondo interiore.

Esiste una realtà visibile ma esiste certamente una realtà invisibile, per versi immensa e misteriosa se guardiamo alla vita nel suo complesso.

Siamo collegati a campi di forza; secondo certe teorie siamo interconnessi.

Se esistessimo tutti nell’Uno?

Ci sono studi sulle reazioni delle piante alle emozioni umane; ci sono studi sugli effetti di vibrazioni di un certo tipo sui cristalli dell’acqua; ci sono studi sulla telepatia.

Noi, come vibriamo? Cosa portiamo con noi energeticamente?

Sappiamo l’effetto delle emozioni sui nostri stati d’animo. Possiamo vibrare di rabbia o di pace o di curiosità. Possiamo sentirci giù o su su un’ipotetica scala delle emozioni.

Siamo in un certo modo.

Un altro fattore importante per noi esseri umani è quello della memoria.

  • Cosa accade ad un essere umano al momento del concepimento?
  • Cosa memorizziamo?
  • Quando inizia la nostra programmazione?
  • Abbiamo in noi un’eredità genetica che ci lega vibrazionalmente ai nostri antenati?
  • Il trauma della nascita che ruolo svolge? Che segni ci ha lasciato?
  • Cosa abbiamo assorbito nel grembo materno?
  • E nell’infanzia?

Possiamo coscientizzare i nostri schemi? Possiamo uscire dai soliti piloti automatici e diventare autori consapevoli del nostro destino? Possiamo riconoscere determinati cicli di memorizzazione che danno luogo a schemi inconsci e ci fanno agire sempre nello stesso modo? Possiamo liberarci dei condizionamenti negativi?

Potremmo trovarci su questo pianeta per fare della nostra vita un capolavoro oltre che per smaltire residui karmici?

Possiamo finalmente scegliere la soluzione al posto di rimanere intrappolati in un problema?

“La conoscenza libera l’uomo” affermava Voltaire.

Noi abbiamo la possibilità di scegliere, di uscire dalla matrix che ci imprigiona in termini di condizionamenti sia individuali che sociali.

Possiamo sostituire un programma con un altro più funzionale alla felicità.

Non è fantastico?

Riguardo qualsiasi cosa, sia la salute, le relazioni, il denaro, il lavoro, che tipo di convinzioni abbiamo? Sto parlando di convinzioni inconsce. Per questo dobbiamo essere molto onesti con noi stessi. “Io sono fatto così” non funziona. Possiamo cominciare a mettere in discussione il come siamo fatti se ci danneggia in qualche modo. Possiamo osservarci.

Nel presente portiamo sempre con noi stessi ciò che siamo o meglio ciò che crediamo di essere: i nostri programmi, i condizionamenti, che finiscono per coprire la verità riguardo che ne so … la nostra anima.

Se parti dal momento presente e metti in atto una presa di coscienza puoi diventare più consapevole ogni giorno di più. Puoi abbracciare il tuo inconscio, le tue parti infantili, i traumi, gli schemi.

Ascolta come funzioni, come parli a te stesso, come giudichi gli altri, come proietti il tuo biasimo, l’odio.

Noi siamo di passaggio. L’universo continuerà ad esistere. Noi ad un certo punto ce ne andremo chissà dove, portandoci dietro chissà cosa.

  • Perchè mi trovo in questo corpo, in questo ambiente, in questa città?
  • Perchè funziono così?
  • Quali programmi mi muovono?
  • Quale progetto c’è in me?
  • Cosa vive in me realmente?
  • Sono anche un’anima?
  • Che cos’è l’anima?
  • Quali schemi metto in gioco?
  • Posso uscire dagli schemi che creano sofferenza?
  • Posso armonizzarmi con la felicità, la guarigione, la ricchezza, la gioia?
  • Quali onde di probabilità posso attivare con l’immaginazione?
  • Quali informazioni posso immettere nel campo quantico?
  • Come posso farlo?

Noi esseri umani abbiamo elementi di tutti i regni: quello minerale, quello vegetale e quello animale . Ed abbiamo una coscienza che può risvegliarsi. Possiamo essere angelici o diabolici.

Possiamo riconoscere come funzioniamo e perchè.

Possiamo diventare consapevoli, possiamo riprogrammarci, possiamo assumerci la responsabilità del nostro destino.

Direi che come primo passo questa presa di coscienza è davvero un grande alleato per noi.

essere autore della propria vita

 

Un abbraccio,

Paolo Milanesi

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!