SPIRITUALITA'

666 ma tu… Chi sei?

In giro si sentono le campane più strampalate…..In giro.

Perché “in giro” significa anche passando per le vie traverse.

Esiste la via ufficiale per andare ad esempio a Roma, un’auto strada che ti mostrerà il solito paesaggio ogni volta, lo stesso casello… oppure esistono i sentieri alternativi.

Come alternative possono essere le campane e le voci che ti parlano di qualcosa, di qualsiasi argomento.

Esiste un libro, la Bibbia che e’ un libro molto particolare. Descrive un progetto che va da un inizio ad una fine. La fine, lo scopo finale di questo progetto e’ descritta in un libro denominato Apocalisse, Rivelazione. Una rivelazione ricevuta dall’apostolo Giovanni rapito in estasi sull’isola di Patmos.

Se le verità di questo libro sono accessibili a menti e cuori particolarmente fini e dotate di certe qualità specifiche, di certi carismi, io come ricercatore ascolto, osservo, rifletto.

Non ho un cuore puro ma il mio cuore  non e’ più accecato né offuscato come un tempo. Lo liberai durante una meditazione a Miasto. Mi aiuto nel mio viaggio con documenti, blog, video, testimonianze di vario genere sulle quali rifletto. Se posso, chiaramente.

Apocalisse 13

1 Vidi salire dal mare una bestia che aveva dieci corna e sette teste, sulle corna dieci diademi e su ciascuna testa un titolo blasfemo. 2 La bestia che io vidi era simile a una pantera, con le zampe come quelle di un orso e la bocca come quella di un leone. Il drago le diede la sua forza, il suo trono e la sua potestà grande. 3 Una delle sue teste sembrò colpita a morte, ma la sua piaga mortale fu guarita. Allora la terra intera presa d’ammirazione, andò dietro alla bestia 4 e gli uomini adorarono il drago perché aveva dato il potere alla bestia e adorarono la bestia dicendo: «Chi è simile alla bestia e chi può combattere con essa?».
5 Alla bestia fu data una bocca per proferire parole d’orgoglio e bestemmie, con il potere di agire per quarantadue mesi. 6 Essa aprì la bocca per proferire bestemmie contro Dio, per bestemmiare il suo nome e la sua dimora, contro tutti quelli che abitano in cielo. 7 Le fu permesso di far guerra contro i santi e di vincerli; le fu dato potere sopra ogni stirpe, popolo, lingua e nazione. 8 L’adorarono tutti gli abitanti della terra, il cui nome non è scritto fin dalla fondazione del mondo nel libro della vita dell’Agnello immolato.
9 Chi ha orecchi, ascolti:
10 Colui che deve andare in prigionia,
andrà in prigionia;
colui che deve essere ucciso di spada
di spada
 sia ucciso.
In questo sta la costanza e la fede dei santi.
11 Vidi poi salire dalla terra un’altra bestia, che aveva due corna, simili a quelle di un agnello, che però parlava come un drago. 12 Essa esercita tutto il potere della prima bestia in sua presenza e costringe la terra e i suoi abitanti ad adorare la prima bestia, la cui ferita mortale era guarita. 13 Operava grandi prodigi, fino a fare scendere fuoco dal cielo sulla terra davanti agli uomini. 14 Per mezzo di questi prodigi, che le era permesso di compiere in presenza della bestia, sedusse gli abitanti della terra dicendo loro di erigere una statua alla bestia che era stata ferita dalla spada ma si era riavuta. 15 Le fu anche concesso di animare la statua della bestia sicché quella statua perfino parlasse e potesse far mettere a morte tutti coloro che non adorassero la statua della bestia. 16 Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; 17 e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. 18 Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d’uomo. E tal cifra è seicentosessantasei.

Premesso che io non voglio né aggiungere né tanto meno togliere nulla ad un libro sacro, ciò che voglio e’ conoscere la verità ma non a scopo esibizionista. Ciò che voglio e’ non essere manipolato, non permettere ad altri di riempirmi la testa di cose che non capisco.

La storia dell’umanità ci insegna il succedersi di civiltà, da quella babilonese a quella egiziana, dall’impero di Alessandro il Macedone all’impero romano, da Napoleone all’impero austro ungarico. E parallelamente, ci mostra le storie degli imperi indiano, cinese, americano, del mondo intero.

La prima guerra mondiale, la seconda guerra, Hitler ed il suo tentativo di una Grande Germania, forse ancora in atto. Il colonialismo degli inglesi in India, dei francesi in Africa, dei russi post seconda guerra mondiale nell’Europa dell’est, l’ex Jugoslavia.

I ruoli degli U.S.A. nella storia mondiale, il loro porsi come una una sorta di salvatore e protettore, vigilantes e direttore d’orchestra. Le super potenze, la guerra fredda per arrivare ad …. Oggi.

Parallelamente alla storia delle civiltà si muovono le storie di ogni settore, dall’industria alla tecnologia, dai costumi al pensiero, dalla chimica alla medicina alla storia della geografia e alla storia della storia medesima.

E parallelamente si accompagna a tutto ciò, e quindi alla dimensione orizzontale degli eventi nel tempo, quella dimensione verticale che vede il rapporto dell’uomo con lo spirito, con Dio, attraverso religioni confezionate e testimonianze di mistici. Perché del resto ogni religione e’ creata intorno ad una figura spirituale, un profeta, una guida, un essere speciale, un pre destinato ad una missione di un certo tipo.

La Bibbia e’ uno dei libri sacri. Non conosco la sua storia, non me ne intendo di manipolazioni varie. Non seguo Biglino o chicchessia. Ce l’ho in casa e devo essere sincero, e’ molto impegnativo leggerla. In genere si demanda a sacerdoti il compito di spiegarne i passi. Molti sono bravi. Molti nella loro purezza riescono a mantenerne il messaggio essenziale. Forse sono ispirati da qualcuno di invisibile.

Quando iniziai a leggerla con una certa abitudine, stupito dalle numerose vicende anche molto crudeli dell’antico Testamento, ebbi comunque manifestazioni sincroniche di eventi molto particolari, come se delle finestrelle metafisiche si stessero aprendo. Ma uno dei miei difetti e’ la costanza, e forse anche un po’… mi spaventai.

L’evoluzione dell’Antico Testamento e’ il Nuovo Testamento, con l’eredità di Gesù, venuto a portare una buona novella. Buona ma molto impegnativa. Tanto è che la sua sorte non fu delle più miti, come non lo fu quella dei sui seguaci per circa un paio di secoli abbondanti.

Anche oggi, dopo più di 2000 anni, di parla ancora di Gesù, esiste ancora la religione cristiana, si parla della Bibbia, si discute riguardo le profezie dei più svariati tipi.

Le parole dell’Apocalisse sono enigmatiche, spesso parla per allegorie, non e’ libro facile. Alcuni insistono sul voler collegare certi aspetti anche all’epoca attuale. Se vi e’ scritto che tutti saranno obbligati a ricevere un marchio, di che marchio si tratterebbe? 

Il marchio nella storia lo abbiamo visto nel mondo animale, usato per marchiare le bestie, lo abbiamo visto nel nazismo per marchiate gli ebrei. Vediamo umani che spontaneamente si fanno tatuaggi.

Il marchio e’ quello che si può depositare come logo, a rappresentare un’azienda.

L’Apocalisse di che tipo di marchio parla?

Il marchio, il nome della bestia, il numero del suo nome.

… “Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d’uomo. E tal cifra è seicentosessantasei.”

666 a cosa si riferisce? Qualcuno dopo svariati ragionamenti lo vuole identificato con le tre barre più lunghe del codice a barre. Perché? Non lo so.

In Apocalisse anche la questione delle bestie e’ alquanto enigmatica.

La prima bestia riceve la forza dal drago. Poi appare un’altra bestia, in grado di esercitare l’autorità della prima bestia, in grado di indurre ad adorare la prima bestia, in grado di compiere prodigi, di erigere una statua alla prima bestia sicché essa parlasse, in grado di animarla. E che tale statua potesse mettere a morte chi non la adorasse.

Mentre, tutti sarebbero stati costretti ricevere un marchio sulla mano destra o sulla fronte senza il quale (il nome della bestia o il numero del suo nome) non avrebbero potuto ne’ vendere ne’ comprare.

Cosa accade se non si accetta questo marchio? Non si può più ne vendere ne comprare, non di può più quindi partecipare all’essenza della vita quotidiana.

Cosa accade se lo si accetta? Si può essere soggetto all’ira di Dio.

Il rapporto di Dio con l’umanità, come tutti i rapporti, e’ una storia che ha un inizio, la Genesi, che risale a quando l’uomo non esisteva ancora. Ma rientrava certamente nei progetti. Si parte dal prime forme di vita, dagli atomi e dalle molecole. Dai gas e dalle nebulose, dal suono.

Salmo 139

Onniscienza di Dio

1 Al direttore del coro.
Salmo di Davide
.
SIGNORE, tu mi hai esaminato e mi conosci.
2 Tu sai quando mi siedo e quando mi alzo,
tu comprendi da lontano il mio pensiero.
3 Tu mi scruti quando cammino e quando riposo,
e conosci a fondo tutte le mie vie.
4 Poiché la parola non è ancora sulla mia lingua, che tu, SIGNORE, già la conosci appieno.
5 Tu mi circondi, mi stai di fronte e alle spalle, e poni la tua mano su di me.
6 La conoscenza che hai di me è meravigliosa, troppo alta perché io possa arrivarci.
7 Dove potrei andarmene lontano dal tuo Spirito, dove fuggirò dalla tua presenza?
8 Se salgo in cielo tu vi sei; se scendo nel soggiorno dei morti, eccoti là.
9 Se prendo le ali dell’alba
e vado ad abitare all’estremità del mare,
10 anche là mi condurrà la tua mano e mi afferrerà la tua destra.
11 Se dico: «Certo le tenebre mi nasconderanno e la luce diventerà notte intorno a me»,
12 le tenebre stesse non possono nasconderti nulla e la notte per te è chiara come il giorno; le tenebre e la luce ti sono uguali.
13 Sei tu che hai formato le mie reni,
che mi hai intessuto nel seno di mia madre.
14 Io ti celebrerò, perché sono stato fatto in modo stupendo.
Meravigliose sono le tue opere,
e l’anima mia lo sa molto bene.
15 Le mie ossa non ti erano nascoste,
quando fui formato in segreto
e intessuto nelle profondità della terra.
16 I tuoi occhi videro la massa informe del mio corpo e nel tuo libro erano tutti scritti i giorni che mi eran destinati,
quando nessuno d’essi era sorto ancora.
17 Oh, quanto mi sono preziosi i tuoi pensieri, o Dio!
Quant’è grande il loro insieme!
18 Se li voglio contare, sono più numerosi della sabbia;
quando mi sveglio sono ancora con te.
19 Certo, tu ucciderai l’empio, o Dio;
perciò allontanatevi da me uomini sanguinari.
20 Essi parlano contro di te malvagiamente;
i tuoi nemici si servono del tuo nome per sostenere la menzogna.
21 SIGNORE, non odio forse quelli che ti odiano? E non detesto quelli che insorgono contro di te?
22 Io li odio di un odio perfetto;
li considero miei nemici.
23 Esaminami, o Dio, e conosci il mio cuore. Mettimi alla prova e conosci i miei pensieri.
24 Vedi se c’è in me qualche via iniqua
e guidami per la via eterna.

Le opere di Dio, immense e miracolose. La promessa di Dio, la vita eterna.

Un piano….. straordinario!!!!!

Gesù e’ venuto a portare a compimento questo progetto. E si è manifestato ed espresso come salvatore, insegnando le leggi della vita. I preziosi insegnamenti dei vangeli sono di inaudita saggezza. Il sermone della montagna. 

Matteo 5

Gesù, vedendo le folle, salì sul monte e si mise a sedere. I suoi discepoli si accostarono a lui, 2 ed egli, aperta la bocca, insegnava loro dicendo:
3 «Beati i poveri in spirito, perché di loro è il regno dei cieli.
4 Beati quelli che sono afflitti, perché saranno consolati.
5 Beati i mansueti, perché erediteranno la terra.
6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati.
7 Beati i misericordiosi, perché a loro misericordia sarà fatta.
8 Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.
9 Beati quelli che si adoperano per la pace, perché saranno chiamati figli di Dio.
10 Beati i perseguitati per motivo di giustizia, perché di loro è il regno dei cieli.
11 Beati voi, quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male per causa mia. 12 Rallegratevi e giubilate, perché il vostro premio è grande nei cieli; poiché così hanno perseguitato i profeti che sono stati prima di voi

E finisse qui…. C’e’ molto sale in queste parole, oro da colare. Come in tutto il resto degli insegnamenti.

Esiste un premio che non e’ di questo mondo, scopriremo in altri punti che esiste una bellezza che appartiene ai gigli ed e’ ovunque nella natura. Perciò l’uomo, perché di preoccupa tanto? 

Cos’è causa delle ansie dell’uomo e dei suoi tormentati?

A parer mio una grave causa e’ l’ignoranza. Ignoranza che porta a non conoscere né riconoscere le leggi della vita, le leggi della felicità, della pace, dell’armonia e della fratellanza. 

Ignoranza che porta a frammentarsi, a reprimere parte delle nostre energie non riconoscendo la nostra dimensione spirituale e ci porta a perdere il contatto con il nostro centro, l’unificatore, la visione saggia della vita.

Perdiamo il lume che illumina, il testimone che osserva onnipotente, perdiamo il contatto con il respiro che guarisce. Ci mercifichiamo e ci vendiamo per 30 denari ai padroni della mente, della materia, anch’essi rinnegatori della verità e dello spirito. Diventiamo schiavi cedendo la nostra regalità.

Matteo 12

42 La regina del sud si leverà a giudicare questa generazione e la condannerà, perché essa venne dall’estremità della terra per ascoltare la sapienza di Salomone; ecco, ora qui c’è più di Salomone!

La saggezza di Salomone contrapposta a quella del Cristo. Due visioni diverse di intendere. Salomone l’uomo più ricco del mondo, costruttore del primo tempio di Gerusalemme.

LIBRO dei Re cap. 9

“… 6Ma se voi e i vostri figli vi ritirerete dal seguirmi, se non osserverete i miei comandi e le mie leggi che io vi ho proposto, se andrete a servire altri dèi e a prostrarvi davanti ad essi, 7allora eliminerò Israele dalla terra che ho dato loro, rigetterò da me il tempio che ho consacrato al mio nome; Israele diventerà la favola e lo zimbello di tutti i popoli.”

“…. La quantità d’oro che affluiva nelle casse di Salomone ogni anno era di seicentosessantasei talenti… ” a cosa potrebbero corrispondere? Forse a 25 tonnellate di oro… L’anno.

L’uomo più ricco del mondo era un uomo saggio… Ma aveva un gran da fare…

“.. Salomone aveva settecento principesse per mogli e trecento concubine”…

E nell’ultima fase della sua vita lo portarono ad adorare altre divinità.

L’uomo più ricco e saggio del mondo si fece sedurre ed abbandono’…. L’Uno!!

L’unico Dio, il Signore, la totalità, l’amore per la totalità. Rimase l’uomo più ricco del mondo ma il suo regno si frammento’.

Cosa accade a noi, quando perdiamo il contatto con la verità, con la nostra dignità regale, quando dimentichiamo di essere figli di Dio? Cediamo la sovranità ad altri. 

La cediamo al denaro, ai manipolatori, ai seduttore, agli ingannatori. Finiamo per non riconoscere più cosa sia giusto o sbagliato, cosa sia vero o falso.

Ingannati dalle apparenze ci lasciamo ingannare dalla bestia, dall’altra bestia, dal dragone, dal serpente. Perdiamo l’Eden, la vita. Moriamo allo spirito.

Perdiamo l’immortalità. Diamo la possibilità alla falsa conoscenza, all’illusione, alla paura, alle emozioni di guidare. Non siamo più capitani della nostra nave. Conduciamo una vita effimera, cercando di scoprire così, per gioco a chi o cosa associare il 666.

Se associarlo al Carbonio 12, se a Bill Gates o a Elon Musk.

Ma ascolta…….. Prima di pensare al 666…… Prova a pensare…..

                  MA TU…… CHI 6??????

Paolo Milanesi