Attualità e società

Il museo degli orrori del neoliberismo

Mi imbatto in un video di Mauro Scardovelli, un formatore che ammiro particolarmente.

Richiama la necessità in questo periodo di condividere le informazioni e distingue:

  • La persona ordinaria, che può farsi una rappresentazione del futuro
  • Il mago, che sa dare molta forza a ciò che vuole realizzare.

Se diventiamo per un attimo maghi, possiamo immaginare il giorno della rivoluzione, le piazze piene per festeggiare la liberazione da un incubo. Festeggiare la liberazione dagli usurai, da chi sfrutta il lavoro del popolo e poi incolpa il popolo di non fare abbastanza.

Siamo guidati da matti e serve una resurrezione. Serve uscire dai tecnicismi economici. E in quel giorno di liberazione anche gli intellettuali festeggeranno. Chi allora non festeggera’? Coloro che hanno impedito la felicità del popolo!!!

Antonio Genovesi pubblico’ “L’economia della felicita'”. Il popolo italiano adesso aspira a qualcosa di più, come ai tempi di quel libro aspirava alla felicità collettiva.

E ci sarà quel giorno di festa un palco dove gli intellettuali si abbracceranno.

Siamo arrivati al bivio:

  1. O stai dalla parte della Costituzione
  2. O dalla parte di chi la distrugge

Non e’ più questione di destra o di sinistra ma di riconoscere un modello che sta portando distruzione nel mondo.

Il Mes… 1000 miliardi stanziati (???) … Per l’Italia 80 … suddivisi per tre settori.

Sono tutti debiti!!!!! 

Siamo trattati come una banca commerciale tratta i suoi clienti. Perdiamo 150 miliardi al mese e parliamo di un Mes di 30 miliardi… A DEBITO!!

C’erano altre soluzioni possibili. Lo stato poteva avere 250 miliardi di moneta fresca ma ha preferito indebitarsi ed indebitarci. Ce la vedremo poi con la troika. Il futuro e’

La distruzione dell’Italia

Dal Sole 24 ore: la Banca d’Inghilterra sta emettendo cash, come la Banca Centrale americana. Perché l’Unione Europea non lo fa? Quali interessi serve?

Noi non siamo governati da un governo italiano ma da un governo che tradisce il popolo italiano e fa gli interessi della finanzia internazionale.

E i media, se sono i garanti della verità, perché non lo dicono? “L’Italia accetta il compromesso”, “Successo per l’Italia”…

Che titoli sono???

E’ una propaganda per il neoliberismo. Più coerente e’ sul “Manifesto” l’articolo di Luigi Pandolfi dal titolo “Tra incoscienza e intese poco cordiali”.

Assistiamo al museo degli orrori del neoliberismo. 

E’ importante capire cosa accade perché noi siamo il popolo italiano. La Costituzione deve proteggerci da ciò che sta accadendo e che e’ cominciato nel 1978 con la morte di Aldo Moro. L’Italia ed altri paesi devono fronteggiare un nemico: la finanza speculativa.

Ma come accade in certi eserciti, i soldati che si impegnano non sanno che mischiati in mezzo a loro alcuni generali sono infiltrati del nemico. C’è qualcosa che non va nel comando!!!

Occorre delegittimare i nemici interni che però dispongono della stampa interna che continuamente convince i soldati.

E’ una guerra che vuole portare a depredare un paese.

Le piccole e medie imprese sono guidate da nemici che vogliono la loro fine.

In un’intervista Nino Galloni intervisto’ Andretta sulla separazione del Tesoro dalla Banca centrale avvenuta in Italia nel 1981, sollevando il timore del fallimento di alcune imprese. La risposta fu che… Era proprio quello che si voleva.

Ebbene Gesù disse “Chi non e’ con me e’ contro di me”. Adesso chi non e’ con la Costituzione e’ contro la Costituzione. Anche nella persona funziona così quando ci sono forze esterne che vogliono il male della persona…

Ci si deve difendere!!!

Ecco il video in questione, per fortuna ci sono persone capaci di farci riflettere!!