Emozioni

IL NOSTRO AMATO EGO DISTORTO

Ciao,

ti parlo di un concetto fondamentale per vivere meglio.

Ognuno di noi è un connubio di energie, un carnevale di maschere energetiche.

Quando sbucci una cipolla alla fine ti troverai una volta separate le varie parti ad incontrare un … nulla.

Questo nulla è un mistero. Spazio vuoto riempibile, ma oltre ad esso chissà. Neutrini, protoni, quark…

Anche noi siamo un agglomerato di elementi fisico-emozionali-mentali tenuti insieme dalla legge di attrazione che li lega intorno a desideri e concetti.

Siamo composti di tendenze, dinamiche, emotività, propensioni, abitudini, gusti.

Ma la nostra realtà vera va oltre l’accidentale.

Posso essere un tifoso appassionatissimo di una squadra di calcio un collezionista di francobolli, un amante dei vini pregiati ma un giorno lascerò tutto qui. Con me porterò la mia essenza e le mie esperienze forse registrate in qualche neurone specifico.

Siamo ego 

Quando diciamo “IO” “IO “IO” ci aggrappiamo a convinzioni, credenze, aspettative e guai a chi ce le tocca.

Credevo di essere altamente evoluto ma il vicino con una osservazione ha risvegliato in me una profonda ferita emozionale collegata ad uno shock. Ne è seguita una scenata di rabbia e poi depressione.

Ero stato toccato nell’orgoglio e quell’orgoglio aveva la funzione di proteggermi dall’incontro con quella ferita.

Non ci apriamo al nostro mistero, alla nostra vulnerabilità.

Fingiamo di essere i migliori, inseguiamo lodi, ci copriamo di medaglie e copriamo le ferite energetiche che chiedono solo una cosa: di essere amate, accettate, integrate.

L’ego distorto è quell’insieme di energie che si è allontanato dall’amore universale (nostra vera patria) e costruisce dinamiche su paure e ferite.

Gli Hitler, gli Stalin rappresentano per eccesso l’espressione di questo ego che nasconde ferite profonde, paure.

Il desiderio di essere il migliore, di essere adorato quando dimentica la semplicità, quando non agisce collegato al tao diventa sforzo, arroganza, presunzione, tirannia, volontà di dominio.

Ne so qualcosa.

Quanto stress nello sforzo di dover a tutti i costi dover dimostrare qualcosa per essere semplicemente … accettato.

Quanta sofferenza ha causato l’ego distorto nel mondo?

Quanta sete di potere, di dominio, di avidità abbiamo visto esplicarsi nella storia? Quante guerre, manipolazioni??

E nel nostro piccolo? Nella nostra storia personale?

Ebbene la soluzione è semplice:

smascherare l’ego distorto

Riconoscere la nostra arroganza, la nostra prepotenza, la nostra sete di primeggiare prevaricando sugli altri.

Allora una vera umiltà può svelarsi sulle ceneri dell’ego guarito, accolto, risanato. E’ un lavoro che da soli è difficilissimo compiere.

Per questo sono sorte scuole, si sono incarnati maestri.

Ma ogni volta che aggiungiamo un tassello, ogni volta che completiamo una tessera del puzzle grazie alla luce che portiamo in noi stessi, procediamo sul sentiero.

Sentiero che è un sentiero infinito, misterioso. La vita ha pazienza. Non sappiamo da dove veniamo e verso dove siamo diretti.

Camminando nel tempo e nello spazio ascoltiamo la nostra guida interiore e diamo spazio alla guarigione.

Abbracciamo l’ego distorto, le ferite interiori ed inviamo luce ed amore. Risanando noi stessi e l’umanità.

Un abbraccio,

Paolo Milanesi

 

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!