Attualità e società

LA CREAZIONE DI UN NEMICO

Ciao,

ti sembra così difficile creare un nemico a tavolino?

La mente delle persone è suggestionabile e chi non ha capacità di pensiero critico o non ha un minimo risveglio spirituale è facilmente influenzabile.

In che modo?

Beh, la propaganda, in mano a chi dirige il gioco ne è un esempio.

Chi ha potere lo può usare nel bene come nel male.

E quando uno ha uno scopo e lo vuole perseguire ad ogni costo può anche infischiarsene dell’etica. Può perseguire il suo scopo anche calpestando l’altrui dignità. Può propagandare l’indegnità di una categoria di persone. Può farne dei sorci, dei parassiti, una classe pericolosa da discriminare, isolare o addirittura sterminare , una minaccia da debellare.

«Per eliminare i kulaki come classe non è sufficiente la politica di limitazione e di eliminazione di singoli gruppi di kulaki […] è necessario spezzare con una lotta aperta la resistenza di questa classe e privarla delle fonti economiche della sua esistenza e del suo sviluppo.» I. Stalin, Questioni di leninismo, Roma 1945

vedi anche STALIN Lo sterminio dei contadini kulaki

Non voglio costringere subito un nemico a combattere, ma dico: <<Voglio distruggervi!>> Con la mia astuzia vi sto stringendo in un angolo in modo tale che non riusciate a sparare un solo colpo; ed è allora che arriverà la coltellata al cuore” Adolf Hitler (S. Friedländer, La Germania nazista e gli ebrei. Volume I: Gli anni della persecuzione, 1933-1939, Milano, Garzanti, 1998, pp. 193-194. Traduzione di S. Minucci)

Il 15 settembre 1935 sono annunciate le Leggi di Norimberga. Gli ebrei non vengono perseguitati per il loro credo, ma per le loro origini.

vedi anche ENCICLOPEDIA DELL’OLOCAUSTO

Possono essere considerati qualcosa di troppo da sterminare e depredare gli ARMENI.

Vedi GENOCIDIO ARMENO

Oppure i TUTSI

Vedi GENOCIDIO RUANDA

Possono essere considerati dei nemici da sconfiggere gli intellettuali con gli occhiali.

Vedi POL POT: il sanguinario dittatore che fu il promotore del genocidio cambogiano.

Possiamo entrare in tanti altri esempi, dall’ex Jugoslavia a fascismi e comunismi vari, perfino nelle religioni spesso teatro di persecuzioni tremende. Ce n’è per tutti i gusti e non è questione di destra o di sinistra.

E’ questione di CREARE UN NEMICO identificabile con un’etichetta e cercare un fondamento ideologico o addirittura scientifico in grado di mostrarne la pericolosità, la malvagità o l’indegnità.

E così ci si può sbizzarrire. Si può andare in casa di qualcuno e prenderlo a calci nel sedere, come accadde con gli indiani d’America o impossessarsi di un territorio e perseguitare i limitrofi, come nel conflitto tra Israele e Palestina. Del resto tra vicini non è sempre facile andare d’accordo.

Insomma, si possono inventare etichette e categorie.

I “no vax” sono l’ultima delle trovate. Nemici della salute e della sicurezza. Paragonati a sorci da rinchiudere in casa da un nuovo esponente di una propaganda disgustosa pagata da chi ha solo interessi ma non ha alcuna etica e ciò lo dimostreranno gli effetti delle ambigue soluzioni proposte.

CHI E’ IL TUO NEMICO  al di là di tutto questo?

Chi reputi veramente tuo nemico?

Potremmo dire di avere davvero dei nemici se la smettessero di romperci i coglioni martellandoci sul fatto che li dobbiamo avere ad ogni costo? 

Non sarebbe meglio costruire una società di collaborazione, creatività, cooperazione e fratellanza?

Non sarebbe meglio sostenere le cure utili, introdurre nuovi sistemi economici e politici ETICI ossia con a cuore il bene comune e capaci di tutelare il pieno sviluppo dell’essere umano?

NO!!

Si deve a tutti i costi adorare la volontà di quelle poche famiglie avide, prive di umanità ma rivestite di filantropia. Ancora una volta la gente la massa, la massaia, l’imprenditore, il politico, si fanno illudere e fare fessi dalla solita feccia.

Questo è il male del mondo.

Il male si è sempre saputo nascondere dietro le intenzioni di burattini mossi da mangiafuoco dietro le quinte.

Ancora una volta lo vediamo.

Cosa aspettarsi?

Un nuovo genocidio sarebbe puramente di logica statistica e molti lo sosterrebbero perchè ingannati dalla propaganda incessante.

Quindi?

Cosa aspettiamo?

Possiamo ripassare un pò di storia intanto poi magari,  rinunciare al nostro egoismo, alla nostra presunzione di aver ragione a tutti i costi.

Lo dice la scienza?

Bene. Dimostrate su quali basi si poggia la vostra scienza. Sui vostri dati falsati? Sull’arroganza di un medicinale unico, univoco e di regime? Volete sterminare un pò di popolazione?

Non so cosa dirvi. Se ve lo permettono siamo all’ennesimo fallimento. Forse ogni secolo ha la sua Apocalisse, il suo anticristo le sue bestie, le sue marchiature e i suoi salvatori. Non saranno ancora una volta gli U.S.A?

No, qui ci vuole qualcosa di forte, come un Fernet Branca dopo un pasto pesante. Serve qualcosa di meraviglioso come un arcobaleno dopo il temporale in montagna o il primo sole di primavera. Qualcosa che permetta ad una nuova umanità di germogliare e dare frutti.

Ci ricorderemo di tutte le brutture come di concime su cui la verità è riuscita a sorgere, ma per fare ciò si devono neutralizzare i parassiti, ossia ogni menzogna che inibisca la possibilità di ogni individuo di realizzarsi eticamente secondo il suo progetto esistenziale.

A me hanno tolto lo stipendio perchè non ho accettato la loro medicina, la loro soluzione. Che paura!!

Io vado avanti perchè sono un essere di luce, non uno qualunque.

Respiro, risorgo e gioisco della mia fede.

Cosa aspettiamo a cambiare le carte in tavola?

Un abbraccio,

Paolo Milanesi

 

 

 

 

 

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!