Attualità e società

Ho visto una dottoressa godere

Quando compiei i 18 anni decisi di festeggiare con un amico (l’idea fu sua) andando a vedere un bel pornazzo al cinema Corso di Piacenza.

Ricordo che era un giovedì pomeriggio perchè uscii abbastanza tranquillamente consapevole che i negozi in centro erano chiusi e che potesse esserci poca gente in giro. Invece incontrai una mia zia che fortunatamente non fece caso alla locandina del film:

“Femmine scatenate” XXX

Un film niente male. Parlava di un tizio che vedendo un telegiornale decise che nella sua vita non era tanto importante trovare  uno scopo quanto scopare la giornalista.

Questa la trama abbastanza singolare e ben glorificata da scene di una certa qualità. La giornalista era infatti assai bbbona e lui non si limitò a quella.

Non scandalizzatevi, ai miei tempi, ancora minorenne, su Telereporter, credo il venerdì dopo le 23, partiva la serata dedicata al porno anticipata da una sigla a cartone animato dal titolo “Love is all” tratta dal concept album di Roger Glover “The butterfly ball”.

E poi via di sesso mediatico. In mancanza d’altro…..

Nella mia esperienza da musicista ho incontrato diversi giovani che armati di computer portatile mi facevano vedere durante i lunghi viaggi film di interesse cultur-anale, con attrici devo essere sincero, veramente “sgnacchere” (per dirla alla Montagnani).

Così assistetti a gioielli del porno interpretati da cameriere, infermiere, pasticcere, poliziotte e non dico altro.

Certamente non possono mancare certi film in cui un’avvenente dottoressa si avvicina al paziente in pigiama e …. vi lascio immaginare. Del resto dai, sono prestazioni tecniche, aerobiche, Così bisogna vederle e considerarle.

Negli anni ’80 ci fu un boom straordinario che andava da Gabriel Pontello a Cicciolina, a Moana e mi fermo qui per non eccitarvi troppo.

Sta di fatto che la dottoressa di quei film godeva per motivi prettamente erotico stimolanti perforanti e vibrazionali.

Io ho visto però godere una dottoressa per ben altri motivi:

“Hanno radiato il medico che non si è vaccinato finalmente

hanno fatto bene!!! Devono radiarli tutti!!!!!”

esclamava orgasmando e quasi sbavando.

Ho dedotto che ci possono essere diversi tipi di orgasmo:

  • uno prettamente genitale del tipo “dentro fuori dentro fuori” ecc… ecc….
  • uno più mentale del tipo “immagino una bella tipa che si scoscia poi mi accarezza e allora io le faccio questo e quest’altro, la prendo davanti, dietro, sopra, sotto”. Gratuitamente si intende.
  • uno sadico capace di recare piacere a chi riceve godimento dal male o dal fallimento di alcuni, oppure dalla gratificazione di una propria componente energetica in cui si sono investiti ideali, convinzioni e che il danno di taluni porta a eccitare. “Siiii ahhhhhh come godo!!!!!”

Io sinceramente non ho fisico per fare orgasmare le dottoresse dei film a luci rosse. Tuttalpiù godo in modo quasi demenziale di riflesso nel vederle  strapazzate da qualche attore lungimirante. Sono film di intrattenimento. Ci sono film che fanno ridere, film che fanno piangere e film che attizzano per risonanza.

Non posso che osservare allora come il godimento sadico di una persona che si è dedicata ad una vocazione così nobile mi risulti bizzarro.

Io non mi permetterei di godere se certe cose capitassero ad un mio collega. Ma sapete, non siamo tutti uguali.

Ho visto una dottoressa godere ma questo non mi ha dato piacere.

Mi ha fatto riflettere.

La mia amarezza riguardo certe situazioni sociali cui mi tocca assistere fa i conti con certe sceneggiate, amare, tristi e squallide.

Forse è meglio che ritorni  a certi film, non come interprete non capite male. Come spettatore di godimenti ludici piuttosto che sadici.

Paolo Milanesi Pontello

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!