SPIRITUALITA'

ESSERE UN RIBELLE

Ciao,

ricordo un libro dal titolo “Vivere sani in un mondo malato”

E’possibile rimanere sani in questo mondo?

O ci chiudiamo gli occhi e le orecchie, abbassiamo lo sguardo e ci facciamo bastonare da pseudo padroni inconsapevoli o rialziamo la testa e apriamo le ali.

L’aquila è un animale così imponente, forse quello che più di tutti riesce a comunicare con lo spirito, almeno nel mio immaginario.

Perché ci viene facile considerare lo spirito come qualcosa di molto elevato, di molto in alto; nell’alto dei cieli, in contrasto con il basso, i bassifondi, le viscere.

Eppure è incontrando l’inferno, riconoscendolo, accettandolo che conosciamo noi stessi. Perchè siamo le vette e le valli, l’abisso e il sole, il male ed il bene.

L’inferno fa paura e c’è chi ne rimane vittima perché rimane inconsapevole e ne viene divorato.

Come potresti scendere e muoverti in una buia cantina senza una torcia?

E’ proprio quel lavoro su noi stessi fatto con qualunque strumento a disposizione (oggi siamo pieni di metodi e di guru) che ci porterà a liberarci.

E c’è una dimensione importante che ci può tenere compagnia ancora ed in modo funzionale: la capacità di essere un ribelle con i piedi piantati nel vero e le radici affondate nella verità, con la mente al cielo, il cuore allargato in ogni direzione, il corpo centrato e la naturalezza del nato due volte.

Mi è piaciuto Joseph Williams dei Toto alzare la spada a inizio concerto nello strepitoso tour di “The seventh one” in quella data a Milano.

Come in un’iniziazione!!!

Nato al corpo e rinato allo spirito.

Il risorto è colui che è andato oltre. Oltre le illusioni, le separazioni, i conflitti, le differenze. Oltre qualunque cosa di questo mondo. Oltre le dualità, oltre matrix, oltre maya.

Il ribelle non ha paura di esprimersi in ogni campo perché è vero, sincero. E’riuscito a volare fino alle vette della buddità, della trascendenza; è riuscito a scendere fino all’inferno per comprenderne le false promesse; è riuscito a liberare energie e scoprire tesori sepolti, a trasformare veleni in nettare.

Il cuore trasforma e lo spirito è libero, completamente libero. Non può chi è libero accettare restrizioni o schiavitù, perlomeno in modo consapevole. Se lo fa, lo fa per farti un piacere.

Così abbiamo visto tanti ribelli attraversare questo pianeta, nella totale libertà, trasparenza, sete di verità e giustizia, magari in nome di un ideale nobile, o in nome di una fratellanza vera per tutti coloro che fossero in grado di accettarla.

Sono utopie che non muoiono perché l’aquila vola sulle vette, conquista i cieli, osserva tutto e poi atterra in picchiata prendendosi una preda con sicurezza spavalda. Punzecchia fino a sopirla, oppure la stordisce in modo ipnotico, tanto è potente la sua spavalderia.

Così io assumo nello spirito quelle ali che mi aiutano a volare per non essere imprigionato da nessuno e quel becco che mi permette di combattere in modo nobile contro chiunque, mentre gli occhi sfidano il nemico con sguardo dignitoso, maestoso e colmo di coraggio.

Non mi imbriglierai. Potresti essere un drago, un rettiliano, un poveraccio vittima dei tuoi possedimenti. Potresti essere il re del mondo, il più ricco e potente di tutti.

Ma morirai come me, un giorno. Hai la mia stessa sorte.

Il ribelle conosce, per questo emana luminosità e fiducia.

Il ribelle ha capito che tutto è un gioco. E gioca.

Il ribelle è l’unica speranza rimasta in questa valle di lacrime, di rassegnati, di calpestati, di sonnolenti, di zombie.

Ricordati che hai sempre la possibilità di uscire dal bluff.

Un abbraccio,

Paolo Milanesi

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!