Attualità e società

Quell’1% che pretende di guidare il 99 %

Ciao,

da quanto tempo nella storia umana si dà per scontato che poche persone abbiano il privilegio o il diritto di gestire la vita di moltitudini intere?

Ho visto una straordinaria intervista all’economista Nando Ioppolo, uno dei pochi a gridare a voce forte l’esigenza di una economia democratica non limitandosi a giudizi contro un sistema ma proponendo diagnosi accurate e soprattutto soluzioni; mi trovo d’accordo con la sua visione.

Noi siamo per mia opinione personale immersi in una matrice (la fatidica matrix). Ciò significa che non viviamo in un sistema  casto, puro, immacolato, popolato di beatitudini, amore e rispetto per i valori. Questa purezza è contaminata.

Il sistema in cui siamo immersi è programmabile da chi vi partecipa, figuriamoci che complessità, ma alcuni riescono ad avere un’influenza maggiore sull’intero.

Ci sono così nella matrice dei parametri pre-impostati che determinano quel certo modo di funzionare del sistema negli svariati ambiti.

Chi imposta tali parametri?

L’umanità ha perduto l’Eden, probabilmente per cause ignote, nascoste ai più. Ha perduto la pace nascosta nel cuore di ogni uomo. Si è allontanata dall’origine dell’etica, come descritto dalla parabola del figliol prodigo.

lo stesso Gesù discese agli inferi, per quale motivo? Voleva salvare ogni anima? Fu il suo un viaggio di curiosità e piacere? Che ruolo hanno il male e l’inferno per questo nostro pianetino?

Da chi fu ascoltato e seguito Gesù nei suoi momenti più difficili?

Molti ancora furono coloro che in suo nome subirono un tragico destino in cambio di un premio certamente celeste più che terreno.

Ancora oggi molti santi infatti reclamano giustizia più che vendetta.

Da chi fu perseguitato Gesù?

Solo da Erode? No. Fu insultato e perseguitato anche da farisei e popolani che rifiutarono il suo messaggio. Essi erano abituati ad altro. Credevano in altro. Avevano convinzioni date dal sistema in cui erano immersi e che li programmava incessantemente.

La bustina di un certo tipo di tè nell’acqua emette gusto, aroma e proprietà di quel certo tipo. Così fanno le forme pensiero più forti; si diffondono, circolano, si scontrano o si aggregano, fortificano o indeboliscono. Ma hanno una loro qualità.

Inoltre non viviamo solo nel mentale ma anche nel fisico. E tali aspetti si influenzano l’un l’altro.

Gli imperi medesimi dall’impero babilonese a quello egizio in poi, si costituirono burocraticamente su basi ideologiche. Divennero una perfetta macchina amministrativa, ideologica e burocratica. Spesso pure bellica. Anzi ….

Perfino la Chiesa riuscì a creare un proprio impero su un’ideologia. Usando un nome. E lo fece a suon di battaglie contro la temporalità e contro ogni eresia, anche quelle più nobili e vicine alla verità. L’Inquisizione fu un esempio drammatico di tale atteggiamento.

I romani dapprima pastori, istituirono le loro monarchie e poi riuscirono a cacciare i Tarquini. Si stancarono, come i barbari un bel dì si stancarono dei romani stessi. Dopo la caduta della monarchia romana (509 a.C.) si preparò l’avvento di un nuovo Impero destinato a durare, ad espandersi in modo pazzesco, a furia di genocidi, di conquiste, di lotte, mentre  senatori e chi faceva una carriera politica si gloriava di prestigio. Prestigio.

C’erano prima 300 poi 600 senatori a rappresentare .. un intero impero. E forse ancora non era il vil soldo a contaminare i loro scopi. Forse era più il prestigio. Chissà per cosa … Il privilegio di appartenere ad un’aristocrazia? Di ricevere benefici di un certo tipo? Certamente vigeva all’epoca una mentalità diversa e particolarissima. Ma aldilà dei costumi certe dinamiche ….

Oggi, la nostra poltrone e sofà accoglie ricchissimi proprietari privilegiati con eredità milionarie elargite per fare ancora gli interessi di quell’elite circa dell’1% che da sempre prende decisioni, in ambiti micro e macro (da un’azienda a una nazione a una confederazione) in – vece del 99% che la segue indefessa, credendo spesso a tutto ciò che viene proposto.

Così sono morti nelle guerre milioni di persone: per decisioni poco diplomatiche fatte da quei grandi diplomatici o che hanno fallito, o che hanno tradito, o che in nome del bene di un paese intero, ne hanno decretato immani sofferenze. O forse per semplice spirito di conquista e di espansione.

Ma il passato è passato, il presente è presente.

E il futuro? Su che basi lo stiamo costruendo?

Un tempo ci furono … il sud depredato per unire l’Italia, un terrorista serbo in grado di scatenare una guerra mondiale, una Grande Germania distrutta magari da chi la finanziò, terrorismi vari,  accordi stato mafia, isis varia ….

Respirando io mi avvicino alla mia integrità, riconoscendo i miei frammenti psicologici, le mie paure , i miei desideri, le etichette che uso per definire e giudicare questo e quello. Riconosco che le mie percezioni non possono essere sempre vere. Mi riconosco immerso in una realtà particolare.

Riconosco la similitudine tra quest realtà e il ragno che tese la tela. Solo che qui i ragni sono moltissimi.

Dietro l’invasione della Polonia quante verità nascoste potrebbero esserci? E dietro una persona in carne ed ossa … quale mondo si nasconde? Quali potenzialità? Quali demoni?

Cosa sono poi le intenzioni di una persona, di un gruppo, un’elite, di una gerarchia, di una massa?

Riconosco che ciò che vedo fuori in certo senso rispecchia qualcosa di me. Respirando accetto ed accolgo tutto. Le mie sofferenze e le mie paure; le mie gioie e i i miei dubbi; i canti di Tazè  ed il death metal. Il bene ed il male che trovo nella società, i Trump e i Biden, la Cina, la Russia, l’Europa e l’Italia. La conquista di una Costituzione che viene calpestata dai nipoti di chi così abilmente la crearono.

Che peccato!! Che spreco!!!

Come funziona quindi il tanto famigerato sistema?

Funziona per emissioni e ricezioni di energie; si basa sulla possibilità di mettere in moto dinamiche di indurre credo. A volte, purtroppo spesso, sopravvive inducendo falsi bisogni e credo distorti.

Ci si fa così la guerra in nome di etichette: sovranisti e globalisti; destra e sinistra; indigeni ed extra comunitari. C’è chi ha ragione e chi ha torto; c’è chi è migliore dell’altro. Sempre e rigorosamente in nome delle …. divisioni.

Nascono e vengono proposte soluzioni in base a problemi che possono essere accidentali o artificiali; casuali o indotti.

Si creano malattie per vendere la cura, o si vende la cura che crea malattie. Ed hanno sempre ragione loro!!! Perchè ti fanno credere nella loro univoca soluzione.

Inducono un pensiero unico!!

Anche oggi fare propaganda costa. Mantenere Tv, radio, giornali, fare programmi, costa. Ma è la propaganda che vende ed è ciò che vende che permette di fare sempre nuova propaganda.

Certo, se due personaggi come Hitler e Stalin sono riusciti a scrivere la loro storia, hanno avuto dalla loro parte una propaganda eccelsa conquistata e creata a suon di bombardamenti ideologici. Come martelli pneumatici.

  • Serve un nemico o una minaccia da combattere
  • serve una soluzione in grado di muovere masse intere

Ora, chiedo io portando uno sguardo globale sulla storia,  quella cricca, quell’elite che sta sempre dietro le quinte e che si propone alla guida di interi popoli…. che oggi vuol fare l’Europa, la moneta unica, digitalizzare anche i sacramenti, trasformare i sessi, in nome di cosa prende le sue decisioni?

Lo fa per gli interessi di un 1% o di un 99%?

Caro signor Nando Ioppolo io la stimo molto e non posso che essere d’accordo con lei: quell’elite pensa per prima cosa a se stessa.

Certamente a livello economico ma non solo. E’ avida di potere, di soldi e di controllo e sarebbe disposta a tutto pur di avere sempre di più. Ha ucciso persone per i numeri in un computer. Senza alcuna compassione.

Al contempo credo che nelle cellule di certi individui viva un dna ibrido, indifferente, incapace di compassione… Sadico come i Mengele; convincente come i Goebbels; arrogante come gli Stalin.

E per questo quell’elite da sempre usa gli individui trattandoli se non come schiavi, come pedine senz’anima. Come gladiatori o mercenari, come legionari o terroristi, come burocrati al comando di un superiore (“ho solo eseguito gli ordini”).

Ora quell’elite sta per uscire dall’ombra, sta per essere smascherata una volta per tutte, ma a quale prezzo?

Certo, non è che dai tempi dei barbari non ci siano stati progressi. Qualche progresso è stato fatto. Al nome e cognome si è aggiunto un codice fiscale. E adesso siamo un codice fiscale quando ci pagano, quando ci curano, quando ci devono rintracciare.

Forse un giorno saremo una combinazione alfanumerica di un chip che potrà essere acceso, spento, riprogrammato su certe frequenze inducendo emozioni di un certo tipo, convinzioni di un certo tipo.

Non ne siamo lontani; del resto ci pensano i media a programmare le persone, senza bisogno di un chip. Siamo robot perfettamente programmabili con le mode, le marche, le ideologie.

Ma se chi ha finanziato Hitler avesse finanziato anche gli alleati? E se la storia fosse solo un bla bla di eventi dalle dinamiche ancora celate? Va beh, dai non tutta la storia… qualcosina… quel qualcosina in grado di muovere interi destini.

Perchè l’uomo mette tanti interessi nell’industria bellica? Ma quale uomo fa ciò? Tu? Tu vuoi la guerra? Io non ti giudico. Ma sii perlomeno onesto con te stesso?

Vuoi veramente vedere soffrire qualcuno? Il tuo peggior nemico magari?

E come verranno usate le nuove armi?

E’ chi ha i soldi ed il potere che ha sempre dettato le regole e che gestisce il gioco ed ancora oggi sarà così. Ed i soldi ed il potere non gli furono dati nè a caso nè senza alcun motivo.

Attualmente …. il Mario Monti di turno fa solo le veci …

le veci di chi???

Non è tanto la laurea alla Bocconi a fare la differenza quanto quali teorie si vuole vuole proporre. E a parer mio se una teoria si basa su presupposti dannosi, tutto il resto le va dietro.

Si può essere infatti geniali nel bene come nel male.

Abbiamo visto infatti come la tecnologia abbia creativamente servito il male e la distruzione. Lo stesso abbiamo visto come certe teorie siano in grado di distruggere stati come la Grecia o intere categorie lavorative.

Ora, oggi si può gestire le coscienze di una popolazione sempre più “mondiale” attraverso il controllo di tutto ciò che riguarda l’essere umano, dalla sanità alla nutrizione, dal commercio, dei media. “Con animo nobile” può pensare qualcuno di voi. “Lo fanno per il nostro bene”.

Certo anche io uso facebook, è una figata!!

Ma davvero? Ma va?? Potrei farne certamente a meno ma come tanti ne ho fatto una sorta di dipendenza. O meglio. Ero caduto nella trappola.

Suvvia,  nel sistema qualcosa di buono ci sarà … ma cosa precisamente? Questo sistema sempre più globale, destinato ad inglobarci, potrebbe essere migliore? Potrebbe essere un sistema … a 5 stelle??

Non tocchiamo certi tasti per favore, vi prego.

Non serve nè l’arroganza di un vaffanculo nè un bel visino pulito per vendermi fumo. Del resto, era così sereno il viso di Bin Laden, non ci avete fatto caso? Da dove tirava fuori quella crudeltà…

E se non si tratta di crudeltà potrebbe essere ipocrisia o bigottismo. Ma servirebbero veramente figure etiche ed integre un pò come .. che ne so … forse un Martin Luther King o .. che ne so… un politico integro, un economista integro ed etico… Partire da queste piccole cose.

Come sarebbe se ci fossero gravi errori di fondo nei debiti degli stati, nella sanità, nelle ideologie, nell’Europa, nel Covid?

Quali conseguenze se oltre le opinioni di ciascuno ci fossero gravi falle nel funzionamento e negli scopi della matrix? Cioè …

sarebbe possibile aggiustare il tiro verso una società migliore?

Io credo di sì, cominciando a non accettare tutte le bugie siano esse di natura politica, sanitaria, religiosa, economica ..

Nell’arte le bugie le lascerei, fanno bene alla creatività.

Ancora oggi e soprattutto oggi ci sono troppe cose che diamo per scontato che sono strumentalizzate per scopi elitari, per arricchire ed appagare l’ego di un’elite. Cesare, Pompeo e Crasso, Stalin e Hitler, i papi, gli Amazon, i Facebook, i Rockfeller e i Bill Gates vari …

Dominare, controllare e …. spremere

Così quando io spremo gli agrumi ottengo una bella spremuta di succo di arance e quando loro spremono le coscienze ottengono una bella spremuta di burattini, uno stufato di pecora, di persone pronte ad ubbidire, ad adorare, a cadere ai loro piedi.

Adoriamo surrogati delle nostre incapacità e della nostra impotenza!!!!

Ma adesso finalmente la realizzazione la si ottiene con un beneficio legato ad un’applicazione o con un buono sconto.

E’ ancora molto difficile portare il paradiso in terra. Gesù ci provò a far credere che il regno di Dio fosse dentro degli uomini. Era più divertente per una moltitudine vedere lo spettacolino nell’arena.

E’ molto molto più impegnativo un lavoro interiore. Ma è da questo che comincia la salvezza, perlomeno quella personale.

Se tutti fossimo solidali, aderenti a certi principi etici a prescindere dalla razza o dalla religione; se applicassimo l’amore, la compassione, la tolleranza, la discriminazione, partendo da una situazione di vera trasformazione, cioè non mettendo sotto lo zerbino i nostri difetti, i rancori, semplicemente lavorando su noi stessi, risvegliandoci, forse ci avvicineremmo veramente alla realizzazione di un nuovo progetto etico mondiale, piuttosto che a quel nuovo ordine mondiale voluto da quell’elite che agisce nell’ombra.

Sai, in certi ambiti  e culture si usa l’arte per curare le persone, per aiutarle a sublimare le loro cosiddette negatività o follie.

Ma se il gioco è condotto da un’elite di satanisti da quattro soldi, le speranze sono poche. Più che guarire il rischio è quello di soccombere. Vogliono la nostra malattia per curarci, i nostri debiti per spremerci, i nostri peccati per giudicarci.

Ma sono proprio loro che dietro belle pettinature, comodi vestiti e sorrisetti … uccidono i Gesù, i buddha.

Sono loro i mercanti del tempio che vivono di statistiche, di numeri, di sete di potere appagate, dimenticando l’essere umano e la sua dignità. E’ questo il tesoro che va fatto splendere.

Ma loro rinnegano ancora una volta lo spirito (termine misterioso) in nome della materia.

Occorre necessariamente passare per un risveglio individuale che moltiplicandosi per contaminazione possa contribuire ad un innalzamento vibratorio spirituale dell’intero pianeta. Occorre mettere la testa fuori dall’oceano per vedere che esiste un’altra realtà. Anzi, esistono migliaia, milioni di realtà migliori possibili.

Per vedere che non siamo solo quello che  crediamo da sempre di essere. Che stiamo vivendo solo una parte della realtà e della verità.

Insistendo nella ricerca, non ci saranno solo le mode dello sciamanesimo o di una new age curiosa, fatta di tarocchi e oroscopi.

Ci sarà uno sciamanesimo reale oltre il quale rimarranno sullo sfondo animali magici, spiriti guida, tarocchi vari ma in funzione della vera realizzazione di quella pura presenza e consapevolezza portatrice del paradiso in terra, rigeneratrice dell’eden.

Ci sarà una vera religione quella solare e universale auspicata da Aivanhov, o quella incredibile rivoluzione spirituale di Osho o di Thich Nhat Han. Ma tutti comprenderanno il linguaggio del mistero, della vita a prescindere dalle differenze.

E tutti si riconosceranno nei valori eterni.

Così vivremo perdonando coloro che non sanno quello che fanno.

E forse loro impareranno a decidere e a considerare l’altro con più amore contribuendo ad un nuovo splendore. Forse, anche i governi, ed il governo mondiale che arriverà …. avranno un’etica da proporci.

Un abbraccio

Paolo Milanesi

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.