SPIRITUALITA'

Cosa porteremo con noi?

Ciao,

ti sei mai chiesto cosa porterai con te (il giorno più lontano nel tempo possibile) in cui dovrai abbandonare il corpo fisico, lasciandolo qui come un vestito che non serve più?

Che domanda difficile ed impegnativa, vero? Un taoista può credere nell’immortalita, un cristiano nella vita eterna, ma i significati attribuiti a questi concetti andrebbero chiariti e valutati.

Io personalmente credo che un giorno…dovro’ accettare che la mia ora sia arrivata, ma ciò non necessariamente deve essere una catastrofe.

Ora, possiamo credere o non credere in un aldilà però possiamo dire

  • Se esiste, chissà cosa ci riserva, chissà a cosa dovremo rispondere.
  • Se non esiste allora potrebbe essere giustificato ogni comportamento, tanto si vive una volta sola…

Ognuno può compiere le sue indagini e le sue riflessioni. Certamente vivere con il pensiero che un giorno dovrà accadere… e allora…. non deve diventare né un’ossessione, né un pretesto di rassegnazione.

Io ad esempio nella storia vedo insegnamenti drammatici, fatti che fanno raggelare il sangue, esempi di sadismo umano impressionante, di cattiveria, bramosia, istinti feroci.

Che fine possono aver fatto un Hitler o un Nerone, uno Stalin, un Pol Pot? Sono morti definitivamente? La loro coscienza si e’portata qualcosa in un ipotetico aldilà? Sono stati giudicati da un tribunale  eleste? Possiamo saperlo noi comuni mortali?

E noi, cosa porteremo con noi nel post-personalità presente? La casa? I vestiti? I soldi? La fama? Gli affetti?

  • Cosa porteremo?
  • E cosa rimarrà di noi?

Chi potrà rispondere a queste domande?

  • Una persona con un corpo fisico bellissimo invecchiera’ e poi…
  • Una persona ricchissima invecchiera’ e poi…
  • Una persona crudele invecchiera’ e poi….

Stessa sorte per i poveri, i miti, i buoni..

Certo, sempre che uno abbia la fortuna di invecchiare, altrimenti i conti si chiuderebbero prima.

Io intanto, respiro e rifletto….

Vedo chi sono stato fino ad ora in questa vita. Vedo quali tendenze ho portato con me dall’infanzia. Vedo quali tendenze e abitudini ho coltivato.

Vedo i miei atti e le mie decisioni, le mie cattive azioni e quelle buone, i miei vizi e le virtù.

Vedo le mie ansie, le mie frustrazioni, i miei dubbi, le mie paure, le incertezze.

Esisterà una legge che peserà anche i criminali mettendo su una bilancia il buono ed il cattivo o sarà tutto marcio?

Esiste una legge scientifica che dirige l’evoluzione degli esseri? Esiste l’anima?

Di un Hitler si salverà qualcosa? Di un martire dei lager cosa si salvera’?

E’ possibile che la vita sia tutta qua?

Io personalmente cedo le spiegazioni ai professionisti. Intanto ti invito a….

RESPIRARE MENTRE GODI DEL MISTERO

Paolo Milanesi