Yogananda

Yogananda – Sviluppare la personalità

Ciao, il libro “L’eterna dell’uomo

Yogananda ricerca di Dio

di Yogananda ci insegna alcune verità fondamentali che solo un maestro spirituale e’ in grado di fornirci.

Dio ci ha creato a sua immagine e somiglianza. Questa terra e’ una scuola e noi siamo qui possiamo comprendere le regole del gioco. Ognuno di noi e’ diverso in quanto personalità fisica, ma tutti siamo soggetti a leggi.

Una delle leggi citata da Yogananda e’ quella della reincarnazione, considerata come una forma di giustizia. Quando Gesù afferma “Elia e’ già venuto…” (Matteo 17,12-13) si riferisce a questa legge. Giovanni Battista sarebbe stato la reincarnazione di Elia.

Riconoscendo le leggi che governano la vita, possiamo considerare quella per la quale il male attira il male, il bene attira il bene. E’ una constatazione intuitiva, confermata dal magnetismo di certe energie capaci di attrarne di affini.

E’ nostro dovere quindi coltivare una buona personalità, evitare il cattivo umore, vincere i difetti ed i vizi, coltivare virtù, essere sinceri, amabili, altruisti…

E’ una vera gioia vivere per gli altri, compiere azioni buone, ascoltare.. E specialmente servire Dio.

Questo e’ un principio sottolineato spesso da Yogananda, per il quale Dio era un’assoluta certezza, un’esperienza viva.

Anche il coltivare qualità specifiche e’ positivo. Abramo Lincoln lavoro’ per l’uguaglianza degli uomini. Noi pure possiamo scegliere una qualità per volta e coltivarla: pace, gioia, coraggio…

Possiamo essere come un bellissimo fiore che tutti amano guardare

La personalità e’ la coscienza dell’ego, della nostra esistenza, dell’io esisto in quanto individualità parziale. Risvegliandosi all’anima la personalità comincia a riflettere il fatto di essere fatta a immagine di Dio.

Dio e’ l’unica vita mentre tutte le personalità sono per così dire prese a prestito.

Tramite l’intuizione, la meditazione, la conoscenza possiamo liberarci dall’identificazione con il corpo fisico per cominciare a riconoscere il nostro vero potere.

Io sono infinito, sono parte del tutto. “Signore, rendimi felice dandomi la consapevolezza di te, dammi la tua gioia” chiede Yogananda pregando.

Meditare ci porterà a risvegliare queste verità, a purificarci da desideri morbosi, a riconoscere gli amici veri, a perfezionare il nostro amore per gli altri. Possiamo costruire solide amicizie su libertà ed uguaglianza spirituale, dando amicizia pura.

Poi potremo un giorno riuscire a dare a tutti il nostro amore vedendo tutti come figli del “Padre nostro”, fino ad arrivare un giorno ad amare i nostri nemici.

Yogananda ricerca di Dio